venerdì 16 dicembre 2016

Una luce su Carcosa

Ed Emshwiller illustration for
A Case of Conscience, If (September 1953).
In questo anno duemilasedici che volge ormai al termine, provo a riprendere il filo del discorso lasciato interrotto senza una spiegazione ormai un anno fa. 
Non starò qui a sciorinare scuse o giustificazioni, perché non c'è davvero nulla, se non la pigrizia, che mi abbia impedito di trovare il modo per proseguire, in un tempo accettabile, il lungo viaggio verso Carcosa e i suoi misteri. Riprendo oggi più o meno da dove ero rimasto, sperando che non sia troppo difficile, almeno per chi era abituato a seguire questa serie di post, affrontare lo stress da rientro. 
Sì, ma dove ero rimasto? Beh, tecnicamente non sarebbe del tutto esatto affermare che degli Yellow Mythos da queste parti non si è più parlato da un anno. Quel breve racconto che avevo pubblicato nel mese di luglio (Yuggoth, ndr), unitamente a quel breve pezzo sul lovecraftiano "The Whisperer in Darkness", erano in un certo senso l'anticamera di questo agognato ritorno. Perché dico questo? Perché ancora una volta è Howard Phillips Lovecraft il passaggio attraverso il quale, abbastanza prevedibilmente, decidiamo di a procedere. Ad accompagnarci in questa tappa del nostro cammino un virgilio d'eccezione, uno degli autori di fantascienza più controversi del ventesimo secolo: ladies and gentelmen, Mr. James Blish!

Sul celebre scrittore americano si è già ormai scritto di tutto e non credo di poter aggiungere molto ai fiumi di inchiostro versati sulla sua figura. Dispiace solo che James Blish sia stato lungamente e ingiustificatamente criticato nel corso della sua carriera. Avrebbe forse potuto essere uno dei più grandi autori di science-fiction, più famoso di Isaac Asimov, più apprezzato di Arthur C. Clarke, più applaudito di Philip K. Dick, ma per sua sfortuna gli è sempre stato contestato un pizzico di incompletezza, opinabile o meno, che gli ha di fatto impedito di entrare nel gotha dei caposcuola del genere.
Le opere più importanti scritte da Blish entro i canoni della fantascienza sono senza dubbio Guerra al grande nulla (A Case of Coscience, 1953) e Ed essi avranno le stelle (They Shall Have Stars, 1957; pubblicato anche con il titolo Year 2018!), ma la sua vera natura, almeno nell'opinione di chi scrive, è emersa negli ultimi anni della sua vita, stroncata prematuramente da un male incurabile. 
Romanzi decisamente più virati al dark fantasy come, per esempio, Pasqua Nera (Black Easter, 1970), che termina con il trionfo di Baphomet e la morte di Dio, o come il suo seguito L'apocalisse e dopo (The Day after Judgment, 1970), che termina in una città denominata Dite, dove l'orrore dantesco si fonde con un orrore avveniristico, rappresentano il cammino da parte di Blish su una strada sempre più oscura e metafisica.
Romanzi e racconti nei quali si fanno prepotentemente largo argomenti come demonologia, occultismo, speculazione filosofica; romanzi e racconti che trasmettono un senso di angoscia profonda e di sfiducia nel genere umano. 
Proprio in questo scenario si inserisce un curioso lavoro di cui ahimé non è mai apparsa una traduzione in italiano, ma che rappresenta forse più di mille altri il tentativo riuscito di dare forma alla leggenda di Carcosa e del suo sinistro Re in Giallo. Il racconto, che si intitola "More Light", è stato pubblicato per la prima volta proprio nel 1970 all'interno di una raccolta curata dalla scrittrice Anne McCaffrey e intitolata "Alchemy and Academe", una "incantevole raccolta di racconti, incantesimi, cose magiche e strane, diavoli e demoni, magia e stregoneria". Oggi la si può trovare nel fondamentale "The Hastur Cycle", raccolta curata da un certo Robert M. Price (mica pizza e fichi) per la casa editrice Chaosium.
  
Ma facciamo un passo indietro. Qualche paragrafo più in alto non abbiamo forse accennato a Lovecraft? Il punto è proprio questo. Il collegamento tra Blish e lo scrittore di Providence non è affatto campato in aria, come avrete certamente immaginato. Non è un segreto, d'altra parte, che Lovecraft fosse un grafomane incallito e che nel corso della sua vita abbia mantenuto stretti rapporti epistolari con decine di persone, molte delle quali suoi colleghi. Tra queste non mancò naturalmente il nostro James Blish.
Risale al 1936 una lettera piuttosto curiosa che Lovecraft indirizzò al suo amico, ai tempi appena quindicenne, una lettera con la quale, oggi ne siamo praticamente certi, egli aveva innestato nell'animo di James Blish i primi semi di un'evoluzione che si sarebbe compiuta in lui solo qualche decina di anni più tardi. Ma andiamo con ordine, iniziando con il riportare uno stralcio di tale lettera, preso e tradotto dall'introduzione del già citato "The Hastur Cycle".  

In merito al trasferimento del Necronomicon sul piano della realtà oggettiva – vorrei davvero aver avuto il tempo e l’immaginazione necessari a collaborare a un simile progetto - temo sia un compito piuttosto gravoso - soprattutto perché si suppone che il volume ammonti a qualcosa come un migliaio di pagine! Ho preso "citazioni" da almeno 770 pagine o giù di lì. Inoltre, nessuno sarebbe mai in grado di produrre qualcosa che sia terribile e impressionante anche solo un decimo di quanto sarebbe auspicabile. Se qualcuno dovesse provare a scrivere il Necronomicon, questo deluderebbe tutti coloro che hanno rabbrividito persino al più criptico riferimento ad esso. Tuttalpiù si potrebbe - e potrei provarci una volta o l’altra - "tradurre" singoli capitoli del tomo mostruoso dell’arabo pazzo, i capitoli meno terribili, quelli che qualunque essere umano potrebbe leggere senza timore di esporsi all'assedio delle Forme dall'Abisso di Azathoth. Una raccolta di tali estratti potrebbe in seguito essere proposta come un "Necronomicon ridotto e censurato...".

Cosa significa tutto ciò? Ce lo spiega indirettamente lo stesso James Blish nel racconto "More Light" che è, in un certo senso, uno scritto autobiografico e che guarda caso va a ripescare proprio gli eventi che anni prima fecero da contorno a quello scambio epistolare. Lo stralcio riportato qui sopra è in pratica la risposta di Lovecraft all'invito di James Blish a mettere nero su bianco il famigerato Necronomicon, a materalizzarlo, a farlo diventare reale e non solo uno pseudobiblium dal quale prelevare di tanto in tanto delle citazioni. La reazione di Lovecraft a un tale suggerimento, come avrete letto, è decisamente contraria, e i motivi di tale rifiuto sono perfettamente comprensibili.
Le speranze di quel quindicenne degli anni Trenta non sono però mai svanite del tutto e, dopo aver decantato per trentacinque anni in un angolo del suo cervello, sono infine riemerse, si sono evolute e hanno preso forma in "More Light". Ma una volta materializzate, quelle idee non guardavano più allo stesso pseudobiblium di un tempo. Riuscite ad immaginare di quale altro testo stiamo parlando? Credo proprio abbiate indovinato.
Oggi non vi racconterò altro. Mi limiterò solo a rafforzare l'ipotesi che "More Light" sia effettivamente, come accennato in precedenza, un racconto autobiografico. Ricordate come si faceva chiamare James Blish quando scriveva articoli su riviste di critica letteraria? Ve lo dico io: si faceva chiamare William Atheling, Jr. E sapete come si chiama il protagonista di "More Light"?  Ve lo dico io: si chiama Bill Atheling. Un'ultima domanda: il cognome Atheling non vi dice proprio nulla? Qualcosa dovrebbe dirvi, visto che lo abbiamo già citato in precedenza in questa serie di post...

24 commenti:

  1. Appassionantissimo! Ti confesso però che non mi ricordo del nome Atheling nel ciclo degli Yellow Mythos. Spero non comprometta la comprensione del seguito della storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi stupisco, visto che è passato ormai un anno dacché ne ho parlato. Comunque non ti preoccupare: a gennaio, quando riprenderemo il filo di questo discorso, faremo subito un bel recap....

      Elimina
  2. Questo sì che è un regalo di Natale! ^_^
    Bentornato, giallo irresistibile!
    Neanche io ricordo quel cognome ma piuttosto che andare a spulciare preferisco attendere il tuo prossimo post: che spero arriverà presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando mi sono reso conto che era così tanto tempo che stavo trascurando i Mythos mi sono quasi sentito male. Non potevo chiudere questo 2016 senza riprendere il filo del discorso. Il seguito non ti farà aspettare molto. Promesso.

      Elimina
  3. Ti confesso che sono estremamente felice del tuo ritorno agli Yellow Mythos, riguardo a Blish, di cui ho letto "Guerra al Grande Nulla", la maggior parte delle critiche ebbe in vita arrivarono perché l'autore nelle sue opere mescolava cinismo, speculazione religiosa, filosofia in un periodo in cui queste cose non erano propriamente di moda.Lui discettava di filosofia in un momento in cui la maggior parte degli scrittori erano dei "tecnici"Se ci aggiungiamo il particolare che Blish non era propriamente un conoscitore della materia scientifica e che quindi qualche errorino lo compiva il quadro sarà completo. Certo in vita l'autore godeva della stima di molti suoi colleghi come lo stesso Asimov ed anche Fritz Leiber, però come hai detto tu all'epoca non era uno dei più apprezzati dalla massa dei lettori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono mai stato un talebano delle congruenze scientifiche nei romanzi di fantascienza. Gli scienziati faranno anche bene il loro mestiere ma probabilmente, se ci provassero, sarebbero dei cani a scrivere romanzi.

      Elimina
  4. Io ammetto invece che non conoscevo Blish... si nota abbastanza chiaramente la mia profonda impreparazione in questo ambito narrativo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mica grave, non ti preoccupare ^_^

      Elimina
  5. Ancora una tacca da mettere tra le nuove scoperte, non conoscevo Blish. mi ricordo degli Atheling come una famiglia citata nei precedenti post perché in grado di fare da tramite tra l'aldilà e il di qua (mi sbaglio?). A proposito, c'è attinenza con il fatto che Atheling era l'appellativo dei principi Sassoni in epoca pre Normanna? Visto che si parla di miti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu ricordi! Allora non ho scritto una cavolata XD Temevo!

      Elimina
    2. Atheling era già stata citata più o meno in quei termini, ricordi bene. ^_^
      Sulla questione "sassone" è prematuro fare ipotesi, ma sento di non poter escludere ancora nulla. D'altra parte già in un precedente post avevamo trovato una connessione tra i Mythos e talune faccende di Britannia...

      Elimina
    3. Sei bravo. Non ci piove. Non percepisco cattedre, solo un appassionato che racconta di quello che ama. Credo che sia la tua forza.

      Elimina
  6. Nemmeno io avevo mai sentito il nome dell'autore di cui ci hai parlato :O E da come ne hai scritto mi interesserebbe parecchio leggere qualche titolo (quelli suggeriti da te e Nick, direi), pare assai originale il suo lavoro.
    Però ricordo, anche se non dettagliatamente, gli Atheling come una delle famiglie "portale" XD
    Attendo, gennaio... mi raccomando eh! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scoprire che a un anno di distanza ancora qualcuno si ricorda di ciò ho scritto mi rende davvero felice ^_^. Grazie!
      La verità sugli Atheling arriva a gennaio. Ormai l'ho promesso troppe volte per poter tirarmi indietro...

      Elimina
  7. Risposte
    1. Ne avevo lasciato uno ieri o l'altroieri, sono venuto a vedere se c'erano risposte e non l'ho trovato :O
      Che palle.
      Comunque, alla fine ti chiedevo: non puoi inserire una lista didascalica e tipo guida su Carcosa e il Re Giallo?^^

      Moz-

      Elimina
    2. Strano, nella cartella spam non c'è, e non ricordo nemmeno di avermelo visto notificare via email... misteri di blogger!
      Una lista didascalica? Tipo la pagina statica che già c'è? Non ho capito...

      Elimina
    3. Sì, una sorta di quella pagina che hai scritto, ma più didascalica, che faccia da guida.
      Partendo dall'inizio e spiegando brevemente quali opere e quali autori sono coinvolti nella faccenda :)

      Moz-

      Elimina
    4. Non è affatto una cattiva idea... ^_^

      Elimina
    5. Perfetto,io la attendo^^

      Moz-

      Elimina
  8. Anch'io non avevo mai sentito il nome di Blish. Per certi versi ricorda un po' il percorso di Robert Bloch.

    Beh, ero passato per fare gli auguri di un giallo Natale. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio di cuore gli auguri! A breve passerò anch'io da te a curiosare l'ultima serie di OdO. Purtroppo ultimamente sono stato latitante un po' dappertutto....

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...